LA PROGRESSIONE E L’IMPATTO DELLA CBP

Nelle prime fasi della malattia, i vasi sanguigni che trasportano il sangue dall’intestino e dalla milza verso il fegato, sono infiammati. Inoltre possono presentarsi delle anomalie o un sottile danno ai dotti biliari nel fegato.2

61%

In questa fase iniziale della malattia, il 61% dei pazienti non presenta sintomi.5

Con il progredire della malattia, possono presentarsi fibrosi intorno ai vasi sanguigni e proliferazione dei dotti biliari.6
La proliferazione dei dotti può portare alla formazione di cicatrici e fibrosi nel fegato.6
La progressione della CBP è anche caratterizzata da una riduzione del numero di dotti.1

AFFATICAMENTO,
PRURITO E ITTERO

I sintomi più comuni quando i segni della malattia iniziano a presentarsi sono fatica, prurito ed ittero.

In questo stadio aumenta la quantità di fibrosi presente nel fegato, considerato come l’ultimo stadio della fibrosi prima della cirrosi (estesa cicatrizzazione del fegato).

34%

Il prurito, l’affaticamento e l’ipertensione portale comunemente persistono.7 In assenza di un trattamento efficace, fino a un terzo dei pazienti con CBP progredirà lentamente, da fibrosi estesa a cirrosi.8

Stadio di cirrosi biliare (estesa cicatrizzazione del fegato). 6,9

69,5% vs 28%

Rispetto agli stadi iniziali della malattia, in questa fase avanzata i pazienti presentano un rischio più elevato di mortalità legata alla malattia epatica (69,5% vs 28%, p<0.00001).10

*Source: Yeo J, Charles et al, Shackleford’s Surgery of the Alimentary Tract, Table 112-1: Primary Sclerosing Cholangitis Staging

1. Lammers WJ, et al (2014). Levels of Alkaline Phosphatase and Bilirubin Are Surrogate End Points of Outcomes of Patients With Primary Biliary Cirrhosis: An International Follow-up Study. Gastroenterology ,147, pp. 1338–49. Available at: http://pure-oai.bham.ac.uk/ws/ fi-

les/18372787/Hirschfield_Levels_alkaline_phosphatase_bilirubin_Gastroenterology_2014.pdf.. [Accessed March 2017].